Della BCE si riunisce a Cipro: Analisti cercano intuizioni

Il Consiglio di politica monetaria della BCE si riunisce oggi in Cipro con analisti divisi sopra se il previsto programma di quantitative easing sarà efficace nel portare l’inflazione dell’eurozona indietro fino a destinazione.

L’euro è sceso bruscamente prima riunione politica odierna, che porta alcuni analisti a prevedere un rapido declino verso la parità rispetto al dollaro statunitense. L’euro è stato scambiato nettamente inferiore ieri a 1.1072, giù 0.0110. Alla riunione, la Banca centrale è prevista per fornire dettagli sul legame di 60 miliardi di euro l’acquisto di programma che è stato annunciato a gennaio. Il programma seguito battaglia persa della Banca centrale contro la deflazione. Il tasso di inflazione annuo scivolato sotto l’1% a ottobre 2013 e registrato una tendenza inferiore prima di girare finalmente negativo nel dicembre 2014, che cade al -0,2%.

Ultima prospettive economiche della BCE per l’eurozona sarà un altro punto di messa a fuoco in quanto fornisce le prime previsioni per il 2017. Gli ultimi dati economici suggeriscono l’eurozona cresce seppur lentamente nel quarto trimestre del 2014, con la regione PIL in crescita da una migliore di previsione 0.3%.

Alcuni analisti non ci si aspetta un sacco nel modo di intuizioni come la BCE strutturate con tutte le sue carte sul tavolo nella sua riunione di gennaio, rilasciando un documento dettagliato che comprendeva un allegato tecnico e un’istruzione che sarebbe iniziare acquistando attività nel marzo 2015. La BCE ha già rilasciato un sacco di dettagli, soprattutto per quanto riguarda il pensiero dietro la decisione di lanciare QE. In questo contesto, la riunione della BCE e la seguente conferenza stampa non può portare un sacco di nuove intuizioni. Tuttavia, gli osservatori di mercato ancora rimangano concentrati su cosa dirà Draghi alla conferenza stampa post meeting.

Della BCE si riunisce a Cipro: Analisti cercano intuizioniultima modifica: 2015-06-19T15:25:20+02:00da hipay
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento